podologo

Il Podologo

estratto del DM 666 del 14 settembre 94

[…] Il podologo è l’operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante, tratta direttamente, dopo esame obbiettivo del piede, con metodi incruenti, ortesici ed idromassoterapici le callosità, le unghie ipertrofiche, deformi, incarnite, nonché il piede doloroso.

Su indicazione del medico, previene e svolge le medicazioni delle ulcerazioni […] e comunque assiste, anche ai fini dell’educazione sanitaria, i soggetti portatori di malattie a rischio.

Individua e segala al medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico. […] 

Si chiama podologo

Questo è come la legge identifica la figura professionale del podologo in ambito medico, delineandone i campi di intervento.

Il podologo è quindi un professionista, in possesso di un Diploma Universitario abilitante, che non sostituisce ma si integra e collabora con altre figure mediche quali l’ortopedico e il chirurgo vascolare, il dermatologo ed il neurologo, il reumatologo ed il diabetologo nella cura del piede e delle affezioni ad esso collegate.

Si chiama Podologo.

Solo in possesso di tali requisiti può utilizzare questo titolo e solo questo titolo è utilizzabile.

Tutte le altre definizioni, benchè fantasiose, si riferiscono non alla professione sanitaria ma a quella estetica.


Leggi il DM 666 del 14 settembre 1994 che identifica la figura del podologo